• Invia Messaggio
  • Invia Messaggio
ipssarcastrovillari.gov.it -  -

Foto Gallery

Giornata della memoria 2016

 

 Il ricordo accende una luce che non illumina uniformemente ma, come la luce di un proiettore, illumina il punto verso cui è diretta. Se tante luci dirette in svariati punti convergono, l’intera scena verrà illuminata, una scena circolare osservata da più punti di vista e, almeno per un giorno, cavalcheremo una giostra di memorie.Una scuola responsabile contribuisce a tenere sempre viva questa luce, perché illumini consapevolmente angoli bui, altrimenti dimenticati. In quanto Istituzione pubblica, aperta agli stimoli provenienti dal territorio, l’IPSSAR di Castrovillari ha  partecipato al concorso “Sul fondo”. Per non dimenticare la Shoah, organizzato dall’Associazione culturale Mystica Calabria come iniziativa di riflessione diretta in particolare alle scuole di ogni ordine e grado. La nostra partecipazione al concorso si  è concretizzata attraverso la presentazione di un’opera multimediale sulla sezione “Una memoria esplosa” contenuta nel libro “Occasioni” a cura degli alunni dell’IPSSAR Casa  Circondariale per l’a.s. 2013-2014 e dedicata al tema in questione e con la realizzazione di un'opera grafica  firmata "in arte Nessuno ", a cura di  un allievo della Casa Circondariale ,che si è aggiudicato il primo premio per la sezione scuole nella categoria arte e disegno . Abbiamo inoltre ospitato  una delle tre giornate previste dall’Associazione e precisamente il giorno 26 gennaio 2016 , con il contributo del Prof. Luigi Blotta dal titolo “Militari italiani deportati” e con la partecipazione del nostro alunno della sezione Casa Circondariale, Giuseppe C., che ha letto il bellissimo testo in versione italiana della canzone francese di Jean Ferrat “Nuit et Brouillard” (“Notte e nebbia”). Il titolo della canzone reca il nome del decreto nazista del 7 dicembre 1941, che ordinava la deportazione per tutti i nemici e gli oppositori del III Reich; ha letto  a seguire, due sue poesie, “Sbarre” e “Sogno” che spaziano rispettivamente da un senso di costrizione e privazione di libertà ad un preludio di speranza.

 

Galleria Fotografica